Intervista: "Il profumo delle rose selvatiche" di Linda Kent

martedì 12 febbraio 2013

Un romanzo
 che sembra scritto sulla seta.
Angela White



 ROMANZI_1033


 ---oOo---
Il Profumo
delle rose
selvatiche
di Linda Kent
pagine 300 circa
prezzo 4,20
da febbraio
solo in edicola
--o-- 





 
Anne March conduce una vita ritirata, e non esce mai in pubblico se non celando il viso con un cappello o un velo.
Solo un bambino con il quale stringe una profonda amicizia ha il privilegio di guardarla negli occhi.
È Andy, il figlio del suo vicino David Greenwood, barone Glamorgan.
David è un uomo oppresso da un passato drammatico, che cerca di dimenticare allontanando il figlio.
Il rapporto che Andy stabilisce con Anne, e soprattutto il fascino misterioso della donna, attirano David inesorabilmente, facendogli desiderare di rimettersi in gioco e di innamorarsi ancora.
Ma una nebbia di segreti e di equivoci si alzerà presto a offuscare il loro amore…


Il  prologo:

http://blog.librimondadori.it/blogs/iromanzi/2013/01/21/il-primo-romanzo-di-linda-kent-il-profumo-delle-rose-selvatiche/


L'intervista.

- Gent.ma Linda, le andrebbe di presentare alle lettrici ed i lettori del Bostonian il suo romanzo,"Il profumo delle Rose Selvatiche", in uscita per I Romanzi Mondadori, di febbraio?
Certamente. Grazie, Endimione, per avermi accolto al Bostonian ed avermi dato la possibilità d’incontrare i suoi lettori.

- Posso domandarle com'è nato il titolo del romanzo e come si pone in relazione alla storia in esso narrata?
Il giardino con i suoi cespugli di rose selvatiche non è solo una location del romanzo, ma è anche una metafora della natura dei protagonisti. Il profumo dolce amaro di questi fiori accompagna il lettore dal prologo all’epilogo.
- Quali saranno i protagonisti - e le caratteristiche che li definiranno - che incontreremo ne "Il profumo delle Rose Selvatiche"? Ha voglia di introducerli e presentarli?
I due protagonisti principali sono David Greenwood, barone Glamorgan e Mrs. Anne March. Sono due persone adulte, con un passato difficile e sofferto. Entrambi sono convinti di voler vivere una vita solitaria, ma non hanno preso in considerazione la forza testarda della vita … e dell’amore.
- Il personaggio a cui più si sente legata?
Anne è un personaggio adorabile, perché non si lascia sconfiggere dal dolore. Ma come non essere, almeno un poco, innamorate di David?
- Ad oggi, scriverebbe in modo diverso qualche personaggio del romanzo in questione?
No, direi di no  


- Lei ha ambientato il romanzo in Inghilerra. E' la storia che ha scelto l'ambientazione inglese, il contrario o entrambe?
Entrambe, senza dubbio.
- La protagonista, Anne March, conduce una vita da reclusa, esce addirittura velata le poche volte che lo fa. Come mai? Come descriverebbe l'animo di Anne? Cosa ci serberà questo bel personaggio?
La scelta di Anne fa parte del suo mistero, che verrà svelato completamente solo alla fine del libro. E anche Anne, mi auguro, riuscirà a conquistare i lettori con la sua forza d’animo, il coraggio, la dolcezza e una grande dignità.
- Secondo Lei l'amore è qualcosa da ostentare al mondo, come un premio o qualcosa di cui godere appieno nel proprio intimo, come il più profondo dei segreti?
Dipende dalle persone. Non esiste un comportamento migliore di un altro. L’importante è non mentire a se stessi e saper riconoscere il vero amore.

- Cosa vorrebbe che le lettrici ed i lettori notassero o comunque tenessero assolutamente in considerazione leggendo "Il profumo delle Rose Selvatiche"? Un personaggio, un avvenimento, un particolare stato d'animo?
Quello che vorrei sottolineare è che la vita offre sempre una seconda chance. Ma bisogna avere il coraggio di mettersi in gioco.
- Qual'è il romanzo che ama di più al mondo? Quello più vicino al auo cuore e animo?
Una domanda difficile, che mi sono sempre posta anch’io. Ma se dovessi scegliere fra le migliaia di libri letti proprio non riuscirei a fermarmi a un titolo. Vorrei almeno Persuasione, Orgoglio e Pregiudizio e Jane Eyre. Almeno per quanto riguarda i romanzi “sentimentali”.
- Cos è per Lei l'amore? 
La forza della vita.
- Cosa significa per Lei scrivere un romanzo che abbia quale fulcro un rapporto sentimentale tra due persone?
Il potere, il denaro e l’amore sono le tre grandi forze che muovono il mondo. Decisamente preferisco parlare d’amore.

- Come mai - secondo la sua personale opinione - l'amore sia nei film, che nella letteratura, quanto nella vita è qualcosa di cui sempre ci si nutre, instacabilmente si persegue, come le falene inseguono la luce, anche e nonostante si sappia che può ardere e ferire?
L’amore puro, in quanto sentimento non è razionalità. Direi che è perfetta la citazione di Pascal: “Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce”.


- Scrivere per Lei è stata più un'esigenza o sogno realizzato?
È nato come sogno ed è diventato un’esigenza.
- Mi tolga una curiosità. Come si pone con la nuova tecnologia ed in particolare con l'avvento degli ebook?
Personalmente, amo di più il libro stampato. Ma poiché gli e-book servono per avvicinare un maggior numero di utenti alla lettura, ben venga la tecnologia.
- Mi dica, ci stiamo avvicinando a San Valentino e "Il profumo delle Rose Selvatiche" uscirà proprio in concomitanza con tale festiità. Come si rapporta Lei con questo giorno tanto romantico?
Io credo al San Valentino del cuore. Quello semplice, intimo, profondo, che non ha bisogno di grandi eventi.
- Esiste un cassetto in casa sua che contiene le bozze del suo prossimo romanzo?
Sì, naturalmente. E non solo un cassetto…
 Ringrazio infinitamente Linda Kent 
 per la sua disponibilità e gentilezza e disponibilità!


La presentazione del libro:



IL PROFUMO DELLE ROSE SELVATICHE è il romanzo d’esordio di Linda Kent, nuova e promettente autrice italiana.

3 commenti:

LADY T. ha detto...

Una bellissima intervista Endemione.
Linda, il romanzo sembra molto interessante e ti auguro tanto successo.
Miriam Formenti

Anonimo ha detto...

Grazie di cuore, Miriam, sei davvero gentilissima.
E grazie anche a Endimione per le sue domande interessanti e mai scontate.
Un abbraccio
Linda

Rhaenys ha detto...

Carissima Linda
Ho appena terminato di leggere il tuo romanzo, tutto d'un fiato...come quando ci si innamora. Tuttavia c'è una domanda che mi assilla e spero tanto che tu possa rispondermi: cosa accade a Susan? Il padre di sua figlia alla fine riesce a ritrovarla?
Grazie in anticipo! Un bacione
Sofia